Cooperazione Internazionale Decentrata

Referenti progetto: 
Mario Silvestri
Referente del gruppo di lavoro trasversale Smart City
Mario Silvestri, Elisa Fava, Andrea Caruso, Daniela Gatta
U. O. Politiche per l'Immigrazione
Senegal
Obiettivo

La progettazione ha come obiettivi: la messa in rete e il sostegno dei soggetti territoriali della cooperazione decentrata: istituzioni, associazioni di volontariato, associazioni di immigrati, ONG, Università, per costruire  e gestire interventi di cooperazione internazionale decentrata in Paesi in via di sviluppo; l'attuazione di progetti di cooperazione internazionale decentrata nell'ambito dei tavoli Paese regionali  (Saharawi, Senegal, Palestina); la promozione di una cultura di pace e di tutela dei diritti umani.

Perché è smart

Senegal: i migranti senegalesi, portatori di nuove competenze socio-economiche maturate in Italia, sono gli attori di sviluppo e gli agenti di cambiamento ideali nelle comunità locali di origine.  Sono loro i principali attori protagonisti del progetto in cooperazione con attori locali, istituzionali del privato sociale. Creare delle opportunità economiche nel paese di origine facilita un eventuale ritorno volontario assistito quando il migrante giudica terminato il proprio progetto migratorio.

Saharawi: il Comune di Ravenna,  in un'ottica di solidarietà internazionale e umanitaria verso i Saharawi, ha fornito il suo contributo alla sicurezza alimentare e sanitaria e al riconoscimento giuridico della loro causa tramite le seguenti azioni:  promozione di attività di empowerment delle donne, iniziative di sostegno all’accesso alla salute materno infantile, formazione del personale ostetrico-ginecologico dei presidi sanitari locali grazie all’intervento di personale qualificato del territorio ravennate.

Descrizione estesa

I progetti più significativi di cooperazione internazionale decentrata si riferiscono agli interventi in Saharawi e a quelli in Senegal. Per ciò che riguarda il popolo del Saharawi il progetto è incentrato sulla Casa del Parto, struttura di riferimento per la salute materno-infantile nella città di Smara. Creata la struttura su cui far convogliare le attività e individuato valido personale di riferimento, si intende continuare a far fronte alla costante emergenza dovuta alla carenza di risorse specialistiche, concentrandosi sulla prevenzione e su una specifica formazione degli operatori di base. Obiettivo generale è,  quindi, garantire la salute della popolazione del Saharawi.

Obiettivi specifici sono: garantire e migliorare la salute materna e riproduttiva delle donne del Saharawi; tutelare la salute femminile in tutte le sue dimensioni (approccio olistico alla persona); approfondire la formazione sanitaria e tecnica degli operatori locali; assicurare una fornitura periodica di materiali, integrando altri interventi di cooperazione e solidarietà internazionale, in modo da garantire la continuità dei rifornimenti; promuovere la conoscenza della storia, del popolo e della causa del Saharawi in particolare fra i cittadini emiliano romagnoli.

Nel caso del Senegal il Comune di Ravenna promuove un progetto di co-sviluppo  i cui obiettivi sono: incrementare e diversificare le colture agricole locali per sussistenza e commercio, affiancando nuove coltivazioni a quelle tradizionali e facendo attività di educazione alimentare; potenziare le tecnologie per l’estrazione e la distribuzione dell’acqua per l’irrigazione; contrastare il fenomeno dell’emigrazione forzata e l’abbandono del villaggio attraverso la produzione e vendita di prodotti agricoli e l’avvio di un circuito di turismo sostenibile al villaggio; aumentare la partecipazione delle donne alla gestione delle attività di produzione, trasformazione e vendita di prodotti agricoli; realizzare attività di teatro che sensibilizzino la popolazione italiana alla cultura senegalese e laboratori teatrali in Senegal, rivolti a bambini e adolescenti del villaggio, i cui esiti finali si includeranno nel programma di soggiorno dei viaggi solidali; realizzare attività di sensibilizzazione/workshop/conferenze in Italia sulla cultura senegalese in generale e su tematiche più strettamente inerenti ai settori progettuali.

Impatto potenziale del progetto

L'efficacia della progettualità della cooperazione decentrata sta nel collegare l'immigrato al paese d'origine evitando o riducendo il suo disagio connesso al nuovo contesto in cui viene a trovarsi come nel caso degli immigrati senegalesi o, al contrario,  migliorando situazioni o sostenendo persone nel territorio di appartenenza come nel caso del popolo Saharawi.

Luogo: 
U.O. Politiche per l'immigrazione
Via Oriani 44, Ravenna
44° 24' 52.2396" N, 12° 12' 15.156" E

Progetti Governance

Riusi in Darsena

“Ho sempre avuto l’impressione e la speranza che con una iniezione fosse possibile curare le...

Darsena

POC Darsena di città

Trasformazione/riqualificazione di un ambito portuale-industriale in un nuovo quartiere urbano...

Credits x
Officine-Digitali-srl Web design and development Officine Digitali
Powered by: drupal-theme